Il sito archeologico di Akrotiri | Santorini

Nei pressi della costa meridionale di Santorini, in Grecia, a 12 km dal capoluogo Fira, si trova la Città Preistorica di Akrotiri, l’attrazione più interessante dell’isola nonché uno dei più importanti siti archeologici della Grecia. Il nome di questa antica città minoica è ignoto: il nome Akrotiri deriva, infatti, dall’omonimo vicino moderno villaggio.

L’importanza del sito di Akrotiri risiede nel fatto che quanto oggi si può ammirare risulta in ottimo stato di conservazione a differenza di molti altri siti archeologici della Grecia. Akrotiri fu infatti completamente sommersa da uno strato di cenere e pomice alto più di 30 m dopo l’eruzione del 1627 a.C. Molti chiamano Akrotiri la “Pompei greca” per le analoghe modalità di distruzione con l’antica città d’epoca romana vicino Napoli.

Nel 2005, l’audace copertura creata per proteggere il sito crollò provocando la morte di un turista britannico. Il Ministro della Cultura del Governo Greco ordinò l’immediata chiusura del sito. Dopo i lavori di messa in sicurezza il sito di Akrotiri riaprì l’11 aprile 2012. Oggi l’allestimento è di grande pregio: un’elegante copertura di vetro e legno permette di visitare le rovine della città in totale sicurezza e riparati dai raggi solari. Si cammina tra i resti archeologici grazie a una serie di passerelle che offrono ottimi punti di osservazione.

Il sito archeologico della Città Preistorica di Akrotiri è aperto tutti i giorni, eccetto il lunedì, dalle 10.00 alle 17.00. Si trova qualche chilometro a sud del paese di Akrotiri, lungo la strada che conduce a Red Beach, la più famosa spiaggia di Santorini.

La scoperta del sito di Akrotiri

Mappa scoperte di Akrotiri, Santorini
La mappa degli scavi di Akrotiri

I primi resti dell’area archeologica di Akrotiri furono scoperti per caso nel 1866 da alcuni minatori che lavoravano nelle cave della zona durante i lavori di costruzione del Canale di Suez, in Egitto. Al principio, pochi mostrarono interesse per questa scoperta. Alcuni vulcanologi e storici francesi iniziarono a scavare portando alla luce qualche reperto, ma non erano in grado di comprendere cosa avevano rinvenuto e a quale epoca potessero appartenere.

Fu necessario attendere quasi un secolo, nel 1967, perché fosse organizzata una serie sistematica di lavori di scavo dell’intera area di Akrotiri grazie all’archeologo greco Spyridon Marinatos che sperava di dimostrare le sue teorie, pubblicate nel 1939 (The volcanic destruction of the Minoan Crete, in Antiquity), secondo cui l’eruzione del vulcano di Thira fu la causa del declino e della conseguente scomparsa della civiltà minoica. Inoltre, Marinatos era convinto che Santorini fosse la mitica Atlantide di cui parlavano molti storici, tra cui Platone.

Guida di Skiathos pdf ebook
Acquista la guida di Santorini a €8,99
Disponibile nei seguenti formati
logo ebook epub logo ebook pdf logo ebook Kindle

L’avvincente storia di Santorini tra il mito di Atlantide e la devastante eruzione del vulcano che la generò; la mappa dell’isola; tutte le spiagge da vedere, dalla celebre Red Beach a quelle meno conosciute e meno affollate; i musei, le gallerie d’arte e i siti archeologici da visitare; i villaggi tradizionali; la musica e i balli greci; le escursioni da fare; i migliori piatti della cucina greca e i ristoranti dove assaggiarli, le migliori agenzie di noleggio…

L’area archeologica di Akrotiri

Il percorso del sito di Akrotiri
Il percorso del sito di Akrotiri

L’insediamento più antico risale alla seconda fase del periodo proto-cicladico (III millennio a.C.). La città scoperta da Marinatos risale a un periodo successivo, il Medio Cicladico (XX e il XVII secolo a.C.), quando l’insediamento visse il suo periodo di massima prosperità, diventando una delle principali città portuali del mar Egeo. Fu portato alla luce un complesso tessuto urbano composto di stradine e piazzette molto intricate.

Gli edifici di Akrotiri erano di diversa tipologia e grandezza, avevano due o tre piani, il tetto a terrazza e le finestre di diverse dimensioni. In alcuni casi le facciate dei palazzi erano ricoperte da lastre di pietra ricoperte da incisioni. L’insediamento urbano era ben organizzato, dotato anche una rete fognaria che correva sotto il manto stradale. Un impianto molto simile a quello presente nei palazzi di Festo e di Cnosso a Creta. Molti locali al pianterreno avevano funzione di magazzini per la conservazione delle merci. Erano presenti diversi anche diversi edifici pubblici per attività civili e religiose. Ogni edificio possedeva servizi igienici sia al pianterreno che al primo piano: una serie di condutture di argilla inserite nelle pareti realizzava un sistema di scarico che terminava nella rete fognaria cittadina.

L’edificio più grande si chiama Xeste 4. Ha ben tre piani e decine di stanze. I frammenti di affreschi finora portati alla luce ricoprivano le pareti dove si trovava la scalinata d’ingresso al palazzo. Raffigurano figure maschili che salgono gli scalini come se fossero in processione. Le grandi dimensioni dell’edifico ed alcuni reperti ritrovati al suo interno fanno ipotizzare che doveva trattarsi di un edificio pubblico, nello specifico adibito ad attività di gestione e manutenzione della rete stradale e fognaria della cittadina.

I ritrovamenti all’interno degli edifici furono affreschi, vasi, arredi, e altri oggetti di uso quotidiano, tutto in ottimo stato di conservazione. La presenza di pochissimi gioielli e di altri oggetti preziosi nonché il mancato ritrovamento di corpi pietrificati diversamente dalla città di Pompei avvalora la tesi secondo cui l’eruzione del vulcano non sorprese all’improvviso i circa 30.000. In altri termini, il giorno della terribile catastrofe, la città era abbandonata. La gente era già da tempo fuggita, terrorizzata per le continue scosse di terremoto precedenti all’eruzione.

Gli affreschi di Akrotiri

Gli affreschi di Akrotiri, Santorini
Un particolare del fregio della flotta

Gli affreschi di Akrotiri sono tra i più antichi esempi di pittura muraria presenti in Europa. Gran parte di tali affreschi sono conservati al Museo di Fira Preistorica; altri, invece, si trovano al Museo Archeologico Nazionale di Atene. Nel museo Santozeum di Fira è possibile vedere la completa ricostruzione di tutti gli affreschi ritrovati ad Akrotiri.

I primi esempi di pittura muraria apparvero a Creta durante la Media Età del Bronzo. I più importanti ritrovamenti ebbero luogo nei siti archeologici dei palazzi di Cnosso e di Festo. Si diffuse in tutto il mar Egeo diventando un’arte popolare, anche in Grecia. Si spense con la fine della civiltà minoica.

Ovviamente, per comprendere totalmente la storia e la bellezza di quest’area archeologica sarebbe opportuno visitare anche i musei di Fira. Affreschi ritraenti antilopi e scimmie testimoniano l’intensa attività di scambi commerciali con l’Egitto. Tuttavia, non è sicuro che Akrotiri fosse una colonia cretese, ma di sicuro rappresentò di sicuro un luogo di scambio e di stazionamento.

Tra gli affreschi del sito di Akrotiri ricordiamo l’affresco dei giovani pugili, gli affreschi dei pescatori, l’affresco delle scimmie blu e l’affresco delle raccoglitrici di zafferano e l’enorme fregio della flotta.


Scopri i segreti nascosti dell’isola attraverso nella mia esclusiva guida di Santorini. Ti offre un accesso privilegiato a descrizioni dettagliate degli affreschi storici, approfondimenti unici sul sito e molte altre informazioni essenziali. Immagina di passeggiare tra le antiche rovine e di vivere la bellezza dell’isola in maniera più intensa e personale. Non perdere l’opportunità di trasformare il tuo viaggio in un’esperienza indimenticabile: acquista ora la guida e lasciati ispirare dalle meraviglie di Santorini.

Il tour del sito di Akrotiri

 

Pagine correlate

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Supponiamo che tu sia d'accordo con questo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi di più