Isola di Koufonisi | Creta

La piccola isola disabitata di Koufonisi si trova nel mar Libico, a 3,5 miglia nautiche (6,5 km) da Capo Goudouras, a pochi chilometri ad est di Makrygialos, località balneare della costa meridionale di Creta. Koufonisi è la più grande isola di piccolo arcipelago che comprende altri quattro isolotti: Makroulo, Marmaro, Strongyli e Trachilos. Koufonisi è un’isola quasi circolare: 6 km di lunghezza e 5,5 km di larghezza massime. Attenzione a non confonderla con l’omonima isola delle Piccole Cicladi.

Koufonisi era nota nell’antichità con il nome di Lefki, la bianca, per il bagliore candido delle sue rocce calcaree. Oggi l’isola è una zona protetta perché oltre ad essere un paradiso naturale da tutelare, è piena di resti archeologici. In età minoica Koufonisi era un importante centro economico e culturale. La sua importanza strategica nei commerci marittimi con le popolazioni dell’Africa, la rese oggetto di aspre dispute tra le città-stato cretesi. Inoltre, il suo mare era ricco di spugne e di murici dalle quali si ricavava la porpora.

La natura ha dotato Koufonisi di un mare incredibile e di fantastiche spiagge, paragonabili alle più belle di Creta. Ricordate di portare con voi tutto l’occorrente per trascorrere una giornata di mare perché le spiagge non sono attrezzate e non esiste neanche un punto di ristoro in tutta l’isola. Cibo e bevande sono essenziali così come un’ombrellone: raramente troverete alberi o altri punti per ripararvi dal sole. È bene sapere che, tranne in alcuni casi, è impossibile passare da una spiaggia all’altra senza utilizzare una barca.

Non dimenticate assolutamente la maschera perché i fondali marini intorno a Koufonisi sono bellissimi: oltre ad essere pieni di pesci, spesso si trovano resti archeologici, anche alcuni antichi vascelli affondati a causa dei numerosi scogli nei pressi della costa. Si ricorda che prelevare reperti è un reato.

Cosa vedere a Koufonisi, Creta

Koufonissi, Creta, Grecia

Koufonisi ha offerto così tanti reperti di valore che molti storici la chiamano, con un pizzico di esagerazione, la piccola Delos. All’estremità nord-orientale dell’isola, proprio di fronte all’isolotto di Marmara, fu portato alla luce un teatro in buone condizioni. Nei pressi del teatro si trovano i resti di un abitato. Tra i vari edifici spicca una villa con ampio portico e otto camere. Un altro grande edificio ospitava le terme pubbliche, in uso tra il I e il IV secolo d.C. Ciò che ha però maggiormente colpito archeologi e storici è il l’acquedotto cittadino composto da una complessa rete di tubature che trasportavano l’acqua dalle sorgenti situate nella parte nord in tutte le altre zone dell’isola.

All’estremità nord-orientale dell’isola, di fronte all’isolotto di Marmara, è stato scoperto un teatro in buone condizioni. Questo importante ritrovamento è accompagnato dai resti di un abitato antico che si estende nei dintorni del teatro. Tra gli edifici emergenti, spicca una villa con un ampio portico e otto camere, indicativa dello stile di vita che si poteva godere in questa isola durante l’antichità.

Un altro importante ritrovamento è rappresentato dalle terme pubbliche, attive tra il I e il IV secolo d.C. Dimostrano l’importanza sociale e culturale del benessere fisico in quel periodo storico. Tuttavia, forse l’elemento più significativo scoperto su Koufonisi è l’acquedotto cittadino, una complessa rete di tubature che trasportavano acqua dalle sorgenti situate nella parte nord verso tutte le altre zone dell’isola. Questo sistema idrico avanzato sottolinea l’ingegnosità e la sofisticatezza tecnologica degli abitanti dell’isola in epoche antiche.

Nella parte meridionale dell’isola si trova un tempio dalle imponenti dimensioni di 18×16 metri. Della struttura rimangono principalmente il crepidoma (la base del tempio), alcuni fregi architettonici e le parti di una grande statua alta circa 2,50 metri. Quest’ultima rappresentava una divinità seduta su un trono, confermando l’importanza religiosa e culturale del sito.

Guida di Creta pdf ebook
Acquista la guida di Creta a €8,99
Disponibile nei seguenti formati
logo ebook epub logo ebook pdf logo ebook Kindle

La storia, la civiltà minoica, la mappa dell’isola; le spiagge, dalle celebri Balos, Elafonissi e Falassarna a quelle deserte e sconosciute ai turisti; Chania, Rethymno, Heraklion, le altre città i villaggi tradizionali; chiese, monasteri, siti archeologici e musei; i celebri palazzi minoici di Cnosso, Festo, Malia, Zakros e quelli minori. Le zone migliori di Creta dove dormire; i negozi dove fare shopping; come arrivare e come spostarsi; le migliori agenzie di noleggio auto; i migliori ristoranti; i bar e le discoteche della vita notturna…

Le spiagge più belle di Koufonisi

Spiaggia di Koufonissi, Creta

Il breve tratto costiero sud-occidentale di Koufonisi offre alcune delle baie più pittoresche dell’isola, ospitando spiagge che molti considerano tra le più belle. Anni fa, il principe Carlo e Lady Diana scelsero proprio queste incantevoli acque per ormeggiare il loro yacht, trascorrendo momenti di intimità e amore.

Proprio a fianco della punta meridionale, che si estende idealmente fino all’isolotto di Trachilos, si trovano una serie di piccole baie e isolotti caratterizzati dalla roccia bianca che, in antichità, diede il nome all’isola. Questa particolare roccia, quando polverizzata dall’azione del mare, forma sabbie e ghiaie bianche che conferiscono alle spiagge, conosciute come Chalasma, un’atmosfera quasi tropicale. Le dune e i gigli bianchi che abbelliscono il paesaggio accrescono ulteriormente il fascino esotico e paradisiaco di questi luoghi. L’acqua bassa e i fondali marini nelle vicinanze degli isolotti offrono spettacoli subacquei di rara bellezza.

La costa occidentale di Koufonisi è anch’essa costellata di spiagge racchiuse in baie di piccole dimensioni. Tra queste spicca Asprougas, nota per essere la spiaggia più originale dell’isola. Il suo nome, che in dialetto cretese significa “bianca”, fa riferimento alle scogliere e alle colline di argilla bianca che danno l’impressione di essere innevate. È possibile raschiare l’argilla dalle pareti e usarla come maschera naturale per viso e corpo, creando una vera e propria seduta di bellezza “fai da te”.

Se i reali britannici scelsero la zona sud per la sua straordinaria bellezza, molti ritengono che Kamarelles sia la spiaggia più bella di Koufonisi. La battigia è ricoperta di pietre verdi opalescenti che creano effetti visivi unici, e le venature verdi si estendono su tutta la spiaggia, offrendo uno spettacolo da ammirare anche da lontano. Il mare di un azzurro invitante e i fondali bassi rendono questa spiaggia particolarmente accogliente.

Di fronte Kamarelles si trova l’isolotto di Marmaro, e il nome della spiaggia deriva dai due enormi archi naturali presenti nella parte meridionale, che si pensa fossero utilizzati come abitazioni nell’antichità. Questi elementi conferiscono a Koufonisi un fascino unico, rendendola una destinazione imperdibile per chi visita le isole greche.

Dove si trova l’isola di Koufonisi

Come arrivare a Koufonisi da Creta

Per visitare Koufonisi con totale autonomia, è possibile noleggiare una barca o un gommone. Questo vi permetterà di esplorare l’isola a proprio ritmo e di accedere a zone meno frequentate. Una delle opzioni disponibili è il Poseidon, un battello privato gestito dal capitano e skipper Michalis Avgoustinakis, che organizza escursioni da Makrygialos per piccoli gruppi, offrendo un’esperienza più personalizzata e intima.

Anni fa, esisteva un servizio di trasporto pubblico giornaliero da Makrygialos a Koufonisi tramite una nave, ma purtroppo, al momento, questo servizio risulta soppresso. Tuttavia, dal porticciolo di Makrygialos parte un galeone che può ospitare fino a 250 passeggeri, ideale per chi preferisce un’escursione in gruppo più numeroso.

Koufonisi è un vero paradiso incontaminato, e come tale deve essere preservato. È fondamentale mantenere un comportamento rispettoso durante la visita a quest’isola selvaggia e disabitata. Ricordate che non ci sono servizi di pulizia, quindi è essenziale non lasciare rifiuti sull’isola. Assicuratevi di portare via con voi tutti i rifiuti prodotti, contribuendo a mantenere la bellezza naturale e l’integrità di Koufonisi. Questo approccio responsabile aiuterà a garantire che l’isola rimanga un rifugio sicuro per la fauna locale e un luogo incantevole per i futuri visitatori.


Suggerimento – Questo articolo è tratto dalla nostra guida di Creta. Se vuoi sapere davvero tutto sull’isola (spiagge, villaggi tradizionali, musei e siti archeologici, chiese e monasteri, dove e cosa mangiare), acquistala nei migliori bookstore online. Troverai oltre 500 pagine di contenuti approfonditi e aggiornati.

Pagine correlate

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Supponiamo che tu sia d'accordo con questo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi di più